Licenziamento ingiustificato

Un gay un giorno trova un nuovo lavoro.
Dopo un paio di giorni in cui tutto fila liscio, il terzo giorno non si presenta al lavoro senza avvisare.
Quando torna il padrone gli fa una sfuriata.
Passano alcuni giorni e il frocio un giorno non si presenta al lavoro, cosi’ senza motivo.
Quando all’indomani torna in ufficio, il padrone e’ furibondo tanto che vorrebbe licenziarlo.
Poi decide di dargli un’ultima possibilita’ e gli dice che se dovesse mancare un’altra volta lo caccera’ fuori dai coglioni e rimarra’ senza lavoro.
Passano cosi’ alcune settimane e il gay un giorno rimane ancora  assente ingiustificato.
All’indomani il padrone lo licenzia in tronco senza neanche ascoltare le sue scuse.
Cosi’ il frocio e’ rimasto senza lavoro in quanto licenziato dal padrone per le troppe assenze ingiustificate.

15 gennaio, 2008. Tag: , , . Vita vissuta.

3 commenti

  1. marcoboccaccio replied:

    … e allora? …

  2. Clawius replied:

    Come allora?? E’ solo l’ennesimo esempio di sopruso con cui un uomosessuale medio deve fare quotidianamente i conti.
    Se ti par poco…………

  3. marcoboccaccio replied:

    beh proprio sopruso non direi. le assenze erano “ingiustificate”. il capo non si sa se sapesse che il tipo è gay. (e poi perché “uomosessuale”? un errore di battitura?). ma forse sono troppo poco frivolo per capire?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Trackback URI

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: